Home / Salute / Atelier Alzheimer. Arriva a Grosseto il laboratorio di stimolazione cognitiva dedicato agli anziani

Atelier Alzheimer. Arriva a Grosseto il laboratorio di stimolazione cognitiva dedicato agli anziani

Arriva anche a Grosseto il progetto “L’Atelier Alzheimer incontra i Musei”. Un progetto della Cooperativa Nomos, aderente a CoSo, con sede a Bagno a Ripoli (Firenze) che ha la gestione operativa di uno dei progetti più rivoluzionari mai creati nell’assistenza per i malati di Alzheimer.

Atelier Alzheimer” è un laboratorio di stimolazione cognitiva per persone affette da patologia a carico del sistema nervoso centrale (es. demenza di tipo Alzheimer, demenza vascolare, etc.) con sintomi comportamentali e cognitivi manifestati lievi o di media entità, mirato a sviluppare e attuare opportune azioni volte al contenimento dei sintomi ed al mantenimento delle capacità residue dell’utente. L’idea è nata da un progetto realizzato dal Centro Studi Orsa e da AIMA (Associazione Italiana Malattia di Alzheimer), finanziato dalla Regione Toscana, patrocinato dalla Società della Salute FI-Sudovest, in collaborazione con l’Azienda Sanitaria Fiorentina e con il coordinamento dell’Ambulatorio per i disturbi cognitivi.

Il modello di Firenze I partecipanti dell’Atelier Alzheimer del Centro Anziani Anconella a Firenze hanno potuto partecipare a una serie di incontri al Museo Marino Marini di Firenze organizzati per sperimentare strategie di comunicazione diversa con le persone affette da demenza a partire dalle esperienze d’arte che si possono fare al museo. Nel percorso si alternano: momenti per i caregiver (familiari e professionali), attività al Museo per tutti (persone con demenza, familiari e operatori dell’Atelier), laboratori creativi presso l’Atelier. «Il progetto che ora “migra” anche a Grosseto – spiega il presidente della cooperativa Nomos, Francesco Manneschi – offre all’utente l’opportunità di svolgere una attività “ri-abilitativa”, che rallenti la perdita delle funzioni correlata alla progressione della malattia per garantire la miglior qualità di vita possibile e un vantaggio arriva anche per il familiare o il badante che si occupa di assistere il malato e che può imparare un nuovo lavoro di cura proposto nel laboratorio da trasferire nell’ambiente familiare».

Guarda Anche

Pfas. Ricevuto dalla Regione Veneto lo studio dell’istituto superiore di sanità sull’esposizione alimentare

Di seguito si riporta una sintesi del documento, che viene allegato anche nella sua versione …