Home / Famiglia / Essere nonni di tutti i bambini

Essere nonni di tutti i bambini

E’ possibile esse nonni anche senza nipoti o non solo dei propri nipoti? Secon do il progettoNonni sociali”, promosso da Ause Lombardia sì. E per questo ha creato una rete di “nonni sociali” a disposizione della comunità e a sostegno dei genitori in difficoltà per contrastare la povertà educativa. Cercando tra i nostri  senior coloro che desiderano occuparsi di chi i nonni non li ha, come i bambini di origine straniera o per chi viene da famiglie complicate. 

Alla base la convinzione che i nonni siano un pilastro della nostra società e forse, il principale sostegno alle famiglie. Sostituendosi spesso ai servizi che non sono in grado di aiutare i genitori nella cura dei figli. Da sempre svolgono un ruolo fondamentale di supporto e di aiuto nel welfare familiare. Sono un punto di riferimento affettivo, educativo con il loro bagaglio di esperienza e di memoria, sono un sostegno importate nella cura dei nipoti. Un lavoro faticoso ma gratificante.

Il bando riguarda la fascia d’età 0-6 anni, una fase in cui l’apprendimento segna fortemente la vita futura. L’obiettivo è lanciare  “I nonni come fattore di potenziamento della comunità educante a sostegno delle fragilità genitoriali”. Approvato  in questi giorni saraà  finanziato dal Bando Prima infanzia 2016 dell’Impresa Sociale “Con i Bambini”.

Il progetto vede come capofila Auser Lombardia e coinvolge una rete di 47 partner tra cui Auser Toscana, Auser Umbria, Auser Basilicata, Università Bicocca, Università di Firenze, la Fondazione Asilo Mariuccia di Milano, l’Istituto degli innocenti di Firenze, Comuni e cooperative sociali. In tutto verranno coinvolti 16 comuni, 4 istituti comprensivi, 8 cooperative, 4 università e istituti di ricerca,1 fondazione e 14 associazioni Auser.

Tutti gli interventi saranno finalizzati ad integrare e sostenere bisogni e necessità che i nidi e le scuole materne attuali non sono in grado di soddisfare; questo in considerazione dei nuovi fenomeni migratori, della crisi economica e del radicale cambiamento dell’organizzazione e degli orari  di lavoro.

In Lombardia sono stati scelti Sesto San Giovanni e la provincia di Cremona, comuni che, sia pure per motivi diversi, sono emblematici di tali bisogni. In Toscana si prevedono attività di sostegno a genitori “single” e a famiglie di migranti, in Umbria  sono stati scelti piccoli comuni e realtà che stanno accogliendo le comunità terremotate e in Basilicata 4 comuni che hanno problemi di spopolamento e di integrazione dei migranti. L’Università Bicocca assicurerà l’impianto pedagogico dell’intero progetto e realizzerà i moduli formativi. Le sedi Auser verranno utilizzate per accogliere, informare, creare comunità, organizzare momenti di festa e condivisione, laboratori.

Il progetto durerà 3 anni, si pensa di raggiungere nel triennio una platea di oltre 1000 bambini con le loro famiglie. Il finanziamento previsto supera i 2 milioni e 150mila euro.Tra gli elementi innovativi la valutazione dell’impatto sociale del progetto e del cambiamento che produrrà.

Guarda Anche

Olbia, il difficile lavoro del volontario: amore, sacrificio e tanta determinazione

Olbia 23 maggio 2019 – È un percorso umano complesso quello del volontario che si approccia …