Home / Famiglia / Montecarlo, quando le wild card fanno discutere. E Kokkinakis si ritira

Montecarlo, quando le wild card fanno discutere. E Kokkinakis si ritira

da Montecarlo, il nostro inviato

Quando Rafael Nadal e Guido Pella scendono in campo, dopo che
si è celebrata ai danni di Djokovic la rivoluzione russa, tutti sentono il bisogno
di un po’ di vecchia e sana restaurazione.

Del resto la striscia aperta di Nadal a Monte Carlo parla di
17 vittorie e 23 set vinti (in nessuno dei quali il suo avversario ha vinto più
di quattro giochi). Quanto ai precedenti Pella può vantare due sconfitte con un
bilancio negativo di 5 set a zero, ed una sola escursione sul 6-3.

Insomma, non abbiamo consultato gli oroscopi ma siamo certi che neanche questi aiutino l’argentino. Arbitra Bernardes, che a questo punto pare l’unica chance per il giustiziere (in concorso con un virus) del nostro Cecchinato.

E difatti si parte col rovescio lungo linea vincente di Pella, capace di pizzicare Nadal scoperto sul suo lato sinistro con il proprio dritto, e palla break. La prima annullata, la seconda concessa con doppio fallo e per Pella è subito break.

Nadal appare disorientato per tutta la prima fase del set dal mancinismo dell’avversario. Con il dritto cerca solo di buttare fuori dal campo l’avversario a scapito della velocità di palla, ma l’avversario ci arriva comodo ed inizia a comandare sulla diagonale che Rafa non avrebbe mai pensato di patire.

Nadal sembra accorgersi del trucco dell’avversario, che
impugna l’arnese con la sinistra, ed inizia a variare un po’ con il back, cercando
di destabilizzare Pella. Il controbreak immediato già fa mormorare sugli spalti
che si assisterà ad un monologo maiorchino. Ed invece non è così.

Mentre Cisca in versione Mirka segue dietro gli occhiali da sole il suo promesso sposo, chissà se non le sia capitata di scambiarlo per Guido Pella. L’argentino si mette infatti a fare il Nadal, cercando angoli pari a quelli dell’avversario col dritto ma senza diminuirne la velocità di crociera.

La tenuta di Pella, che inizia ad alternare alla clava il
fioretto con apprezzabili palle corte, spinge Nadal ad errori impensabili.
Pella continua a giocare un tennis vario, col permesso di un Nadal poco
incisivo e si prende il break, trasformandosi per un attimo in Henri Leconte e giocando
una volée smorzata vincente dalla linea del servizio.

Rafa cerca di scuotersi con un colpo che potrebbe rivelarsi
utile ma che non è mai stato quello forte del suo repertorio, il lungo linea di
rovescio. Pella però continua a fare il Nadal, comanda col dritto e siamo 3 a
1.

Quando un dritto di Nadal non riesce a scavalcare la rete è ancora
break. Nadal che perde tre turni di servizio di fila sulla terra battuta. Si
scavi nelle statistiche.

Sugli spalti l’hashtag più popolare inizia ad essere
#ginocchio, seguito a ruota da #fisioterapista, ma per il momento nulla accade
sul fronte dell’infermeria di Manacor.

Nadal cerca una reazione e trova sponda in un pubblico plebiscitariamente schierato per il monarca. La sua reazione è però balbettante e necessita dell’aiuto di Pella, che si confonde, inizia a tifare anche lui Nadal, e concede uno dei break di scorta, anche con un par di doppi falli.

A questo punto comincia una nuova partita. Rafa tiene il primo turno di servizio dopo 41 minuti di gioco e Pella, per fare punto, deve iniziare a tirare vincenti fuori del comune. Allo spagnolo manca, e mancherà per tutto il set, la resa del proprio dritto incrociato, ben addomesticato dall’argentino. Una volée dorsale di Nadal che lo porta sul 3-4 fa esplodere il pubblico monegasco e fa intravedere a Pella quel che sarà di lì a poco.

Il break successivo in favore di Rafa appare a dir poco scontato
e siamo quattro pari con tutte le paure del mondo nuovamente addosso al
ventottenne di Bahia Blanca.

Finalmente Nadal appare più sciolto nella corsa ma Pella viaggia
ancora a ritmi sostenuti. Nadal mette il naso davanti sul 5 a 4 ma Pella prima
lo riaggancia e poi mette la freccia con il quarto break del set (anche qui si
scavi negli archivi).

Quando va a servire per il set, come spesso accade, lo sfavorito si disunisce. Pella inizia a cedere col dritto ed il passaggio a vuoto col fondamentale con cui stava dominando si prolunga fino all’inevitabile tie break ed al suo ineluttabile epilogo (Rafa porta da casa e mette a tavola anche una sontuosa volée bassa di rovescio).

Il 2 a 0 per Nadal nel secondo set appare consequenziale al
cedimento di Pella sul finire del primo set. Negli spogliatoi a Fognini e Coric
qualcuno corre a dire di accelerare il riscaldamento, ma Pella non ci sta,
costringe Rafa ad annullargli due palle break consecutive nel quarto game e lo
costringe ad un gioco infinito per andare 3 a 1.

Sullo 0-15 del quinto game (appuntatevelo per gli highlights) il punto del match. Pella ha a disposizione il più comodo degli smash a rimbalzo ma lo gioca con troppa sicurezza: la folgore di dritto con la quale Nadal gliela rimanda di là per il vincente è solo parente lontana del colpo deficitario del primo set ed è preludio al secondo break.

Pella inizia ad apparire stanco. Chiuse le ali dell’entusiasmo
del primo set, è costretto a ricorrere ai piedi alla disperata caccia degli
angoli di Nadal, il quale inizia a trovare dei dritti in corsa lungolinea che
incontrano l’apprezzamento anche del Principe Alberto (e lo sconforto di Pella
che sorride dinanzi alla linea pizzicata da un prodigio del maiorchino).

Nel finale, giusto per ricordarci di che strana giornata si
è trattata, Nadal al servizio per il match sul 5 a 2, va sotto 0-40 con due
doppi falli, spara un dritto fuori e cede il servizio a zero.

Poco male: sul servizio Pella, Nadal recupera un altro smash argentino e si procura due match point. Il primo, Pella lo annulla col dritto. Sul secondo l’argentino decide che può bastare così e spedisce un servizio lungo ed uno in rete per il doppio fallo che chiude il match dopo 2 ore e 20 di gioco, e dopo la comparsa di qualche nube sul Nadal che potrebbe trovare Fognini in semifinale.

In conferenza stampa Nadal appare sereno ma anche desideroso di correre a cambiarsi per la Grande Nuit du Tennis del Principato. “Non credo che il fatto che lui fosse mancino mi abbia dato dei problemi.. voglio dire.. per lui è la stessa cosa. Ho mancato un paio di palle importanti ed è stato decisivo il game che ho vinto sotto 4 a 1, perché se lui fosse andato 5 a 1, beh, il set sarebbe finito, sarebbe stato impossibile recuperare. Le difficoltà le devi accettare e devi passarci attraverso, devi battagliare”.

E sul prossimo avversario, a chi gli ricorda un giovanissimo Coric allenarsi con lui, Rafa confessa: “Non ricordo bene a dire il vero. In ogni caso sarebbe un incontro duro. E se invece fosse Fabio, sarebbe altrettanto duro perché lui è uno dei più talentuosi in circolazione: quando sta bene può battere chiunque”.

Risultato:

[2] R. Nadal b. G. Pella 7-6(1) 6-3

Il tabellone completo

Guarda Anche

Nuova luce su Mattia e Gregorio Preti, l’eccellente mostra di Palazzo Barberini a Roma

di Federico Giannini, scritto il 24/05/2019, 21:55:46 Categorie: Recensioni mostre “Mi disse suo fratello Gregorio …