Home / Malattie / Progressisti per Casale: ‘Al fianco dei più deboli con idee forti’

Progressisti per Casale: ‘Al fianco dei più deboli con idee forti’

Dalla lista Progressisti per Casale riceviamo e pubblichiamo integralmente:“Il nome della lista, la quale è parte della coalizione a sostegno del candidato sindaco Luca Gioanola “Casale nel Cuore – Meglio Gioanola Sindaco” non è stato dato a caso: si tratta di una lista che guarda al progresso in riferimento alla qualità della vita dei cittadini, più che alla massimizzazione del profitto. Come dice il suo stesso slogan, “Idee forti, vicino ai più deboli”, Progressisti per Casale si affianca a tutti i soggetti della comunità cittadina, ma in particolar modo a coloro che si trovano in una posizione più difficile: a coloro che hanno perso un posto di lavoro, ai giovani che lo cercano e che non vedono prospettive per il futuro, agli anziani e ai disabili che spesso non godono dei servizi che necessitano per avere una vita normale; Progressisti per Casale è una lista al fianco dei più deboli ma senza dimenticare nessuno, di qualsiasi appartenenza sociale”.

“Questo è sicuramente un obiettivo ambizioso ma necessario, che non si può accantonare. Sempre su questa linea, si riflette la composizione della lista, composta da persone che si trovano o si sono trovate vicine a questi contesti e che proprio per questo motivo sono così attente. Su un numero complessivo di 16 persone, quasi la metà dei candidati consiglieri hanno fra i 25 e 32 anni; si tratta di candidati che non sono solo giovani ma anche laureati o laureandi e competenti, che hanno maturato grazie anche ad esperienze condotte in diversi ambiti: europrogettazione, amministrazione locale, associazionismo e attivismo”.

“Alcuni di loro sono professionisti legali, contabili, insegnanti e durante gli studi universitari parte di loro hanno anche svolto lavori umili che hanno contribuito ad avere uno sguardo attento sulle problematiche dei lavoratori”.

“Da questa sensibilità che caratterizza Progressisti per Casale, sono nate proposte serie e concrete che si poggiano su tre punti cardine: DIRITTI, LAVORO e AMBIENTE, argomenti fra loro strettamente uniti in funzione di una migliore qualità della vita dei cittadini”.

“Una di queste riguarda l’occupazione a livello territoriale: la lista sostiene che occorra in primis un’analisi dei bisogni territoriali, al fine di comprendere quali siano le figure lavorative richieste e, in una seconda fase, promuovere la formazione affinché vi sia un’adeguata offerta che si incontri con la domanda. Tale proposta nasce proprio dal fatto che, troppo spesso, le figure lavorative ricercate non esistono sul territorio o comunque il personale non è adeguatamente preparato”.

“Attraverso l’istituzione di un Ufficio Studi comunale, da una parte sarebbe possibile intercettare fondi strutturali europei capaci di coprire le spese per una formazione adeguata e, dall’altra, studiare il territorio per conoscere le sue esigenze e richieste. Non solo, ma è possibile creare un tavolo permanente con le organizzazioni sindacali territoriali per un monitoraggio costante dei dati relativi alla occupazione nella nostra zona, oltre ad avviare una più stretta collaborazione con la Provincia e la Regione per avviare politiche di formazione più mirate in relazione ai dati emersi a livello territoriale”.

“Fra le proposte della lista, l’ambiente non passa in secondo piano ma, anzi, viene visto non solo come un’emergenza ma, paradossalmente, come un punto di forza per le politiche occupazionali: curare l’ambiente, realizzare un progetto coordinato che metta al centro il recupero dello stesso e lo valorizzi, diventando non solo un luogo più salubre per la cittadinanza ma anche per i turisti, fa sì che si creino serie attività turistiche e naturalistiche, capaci di diventare fonte attrattiva e di conseguenza ampliare il panorama occupazionale”.

“La creazione di un sistema di mobilità smart che permetta ai turisti di accedere a percorsi tematici nel Monferrato partendo da Casale, è sola una delle possibilità. Serve fare un ricalcolo del piano di mobilità: a livello interurbano, il collegamento con le altre città è indispensabile per rendere più agevole la mobilità dei lavoratori e studenti, che vogliono rimanere a vivere a Casale, e per permettere ai turisti di accedere al nostro territorio; sul versante urbano, occorre un’implementazione dei mezzi pubblici per far sì che tutti i cittadini si possano spostare in città, consentendo a tutti di spostarsi senza dover dipendere da mezzi privati: ciò renderebbe Casale una città non solo più viva ma diminuirebbe fortemente l’emissione di C02, problema che colpisce in maniera ormai grave l’Alessandrino”.

“Parlando di ambiente, Progressisti per Casale intende anche un posto che abbia a cuore i giovani, perché senza di loro è destinato a scomparire: da una parte, con le direzioni sopra indicate, si renderebbe Casale una città più attrattiva e accessibile, dall’altra è importante che venga introdotto un centro aggregativo serio, gestito da operatori locali, e che permettano l’accesso ai giovani per trovarsi, accrescere i propri talenti ed esprimersi, diventando punto di incontro anche per le associazioni”.

“Queste sono solo alcune delle idee della lista ma per avere un quadro più completo, si consiglia di prendere visione del programma di lista su www.progressistipercasale.com”  

Guarda Anche

La Vida es Sueño – Persinsala | Cultura e critica teatrale

È all’insegna della multidisciplinarietà la rappresentazione dell’ultimo lavoro dei Lenz alla Pilotta di Parma, che …