Home / Scuola / Reddito sì ma di opportunità, contro il divario giovani-anziani

Reddito sì ma di opportunità, contro il divario giovani-anziani

Una proposta della Fondazione Visentini, in antitesi con il reddito di cittadinanza, vuole dare una mano alle nuove generazioni: ecco quanto costa e come funziona

Si chiama “reddito di opportunità” e non ha nulla a che vedere con il reddito di cittadinanza targato Cinquestelle. La proposta arriva dalla Fondazione Bruno Visentini e punta a sostenere le giovani generazioni.

L’idea è creare
uno strumento d’azione, chiamato “Una mano per contare”, che permetta di
acquisire beni e servizi per raggiungere l’indipendenza economica e sociale.

“Con una
dotazione iniziale di 4,5 miliardi – scrive la Fondazione – sarebbe
possibile intervenire su un numero cospicuo di giovani, riconoscendo loro una
carta di 20mila euro ciascuno”, spendibile fra i 16 e i 35 anni di età.

In base al
progetto, le risorse necessarie ad avviare il programma pilota del reddito di
opportunità “possono essere rese disponibili grazie a una riprogrammazione
di 3,7 miliardi di euro delle numerose e frammentate misure generazionali (alcune
anche cofinanziate da fondi europei, come Garanzia Giovani) e il
reindirizzamento di ulteriori 800 milioni di euro da altre misure non
direttamente generazionali, ma con un potenziale impatto generazionale”.

La proposta del reddito d’opportunità è stata avanzata per la prima volta dalla Fondazione Visentini nel rapporto “Il divario generazionale: un patto per l’occupazione dei giovani”, presentato lo scorso dicembre all’Università Luiss Guido Carli. Oggi l’idea viene rilanciata in occasione della “Settimana mondiale dell’equità intergenerazionale”, opportunità di riflessione su un problema particolarmente sentito nel nostro Paese.

Già dal precedente rapporto della Fondazione – “Il divario generazionale tra conflitti e solidarietà”, pubblicato nel marzo 2017 – emergeva che il ritardo accumulato dalle nuove generazioni rispetto alle precedenti nel raggiungimento dell’indipendenza economica potrebbe arrivare a colpire oltre 12 milioni di persone. “Se non si dovesse intraprendere tempestivamente una strategia di contrasto a tale divario – scrive ancora la Fondazione – secondo il Generational Divide Index (GDI), nel 2030 potremmo assistere a un’intera generazione incapace di maturare e di assicurarsi una vita indipendente e autonoma se non quando ultraquarantenne”.

Infine, la Fondazione suggerisce anche di usare “l’imposta sulle pensioni più alte” per alimentare “annualmente un fondo nazionale per le pensioni integrative a favore dei giovani, restituendo loro una sicurezza economica a lungo termine che è attualmente minacciata”. Un’idea simile, anche se non specificamente rivolta ai giovani, è stata proposta mercoledì dal presidente dell’Inps, Pasquale Tridico.

Pubblicato in: Lavoro Tag: Giovani, Reddito

Potrebbe interessarti anche…

Bono (Fincantieri): “Cerco 6.000 saldatori e carpentieri. Non li trovo”

Ilva, allarme sindacale: “Così salta tutto”

Statali: impronte digitali contro i furbetti del cartellino, addio badge

Medici: quale futuro tra Quota 100, blocco turnover e calo demografico

Guarda Anche

”Progetto uomo”, iscrizioni al corso di laurea aperte dal 20 luglio

MONTEFIASCONE – aprono il 20 luglio le iscrizioni al corso di laurea triennale in Scienze …